Cefalea: curala con l’Agopuntura

La cefalea è una patologia molto comune fra i pazienti che si rivolgono all’Agopuntore. Comunemente chiamata mal di testa, si stima che circa il 68% della popolazione ne abbia sofferto almeno una volta nella vita. Per la maggior parte delle persone, il disturbo è poco frequente e facilmente gestibile. Tuttavia per una buona parte della popolazione non è così e può divenire un disturbo molto invalidante.

La cefalea cronica pare essere la principale causa di disabilità e di accesso ai servizi, consumando circa l’80% della spesa sanitaria italiana. Emicrania, cefalea a grappolo, cefalea muscolo tensiva sono alcune modalità in cui si può manifestare una cefalea. L’OMS l’ha inserita tra le 20 patologie più invalidanti per le donne tra i 15 e i 45 anni. La cefalea è 3 volte più frequente nelle donne rispetto agli uomini e nell’80% dei casi ha inizio prima dei 40 anni.

Quali sono i rimedi?

Si hanno attualmente a disposizione diversi farmaci per la riduzione dell’intensità e della frequenza degli attacchi. Tuttavia in molti casi la cefalea cronica rimane invalidante e le terapie tradizionali si rivelano non completamente soddisfacenti. Inoltre molti di questi farmaci sono preclusi ad alcune persone a causa delle numerose comorbilità e interazioni con la terapia già assunta. L’agopuntura e la MTC (medicina tradizionale cinese) rappresentano una valida alternativa/integrazione alla terapia farmacologica per controllare e sconfiggere le cefalee primarie. Tuttavia, se la cefalea è invalidante e/o di recente insorgenza, prima di rivolgersi all’agopuntore, è bene indagarne le cause con il proprio medico, al fine di escludere una patologia sottostante.

Come si decide il trattamento migliore?

Nella medicina Cinese, come in quella Occidentale vengono distinti diversi tipi di cefalee. E’ importante porre una diagnosi corretta al fine di poterle trattare in modo efficace. Nella medicina cinese la diagnosi è molto fine e si effettua interrogando il paziente su tipo e sede del dolore, sui sintomi associati e attraverso l’esame di polso e lingua.

Quali tipi di cefalea ci sono?

Forme principali

  1. La cefalea di più comune riscontro è caratterizzata da un dolore di tipo tensivo alla nuca, che può irradiarsi fino alla fronte o essere accompagnata da cervicalgia. Può essere scatenata da periodi di stress o da fattori climatici esterni (aria condizionata, vento, umidità). Questa è solitamente dovuta a una stasi di qi di Fegato: il qi bloccato nel suo libero fluire provoca dolore lungo il percorso dei canali interessati.
  2. L’altro tipo di cefalea più comune è caratterizzata da un dolore di tipo pulsante solitamente alle tempie, in zona parietale, oppure alla sommità della testa. In alcuni casi coinvolge solo metà cranio o volto e viene identificata con l’emicrania. Essa può essere accompagnata da nausea e vomito, sensibilità alla luce, disturbi visivi e/o vertigini. E’ più frequente nel fine settimana ed ogni volta che si allenta la tensione. Nelle donne può essere associata alle mestruazioni. Migliora solitamente applicando localmente qualcosa di fresco . Questa cefalea in MTC è solitamente dovuta a una liberazione di yang di Fegato, dovuto a un deficit di yin o di jing. Essa insorge solitamente in età precoce, da bambini o allo sviluppo sessuale oppure ancora in seguito a un grande cambiamento fisiologico, come può essere dopo una gravidanza o nel periodo peri o post-menopausale.

Forme complicate

Questi primi due tipi di cefalee si possono complicare negli anni in vario modo.

3. Persistendo per lungo tempo il disturbo, può insorgere, oltre al ristagno del qi, anche una stasi di sangue caratterizzata da un dolore di tipo trafittivo, come una lama che penetra nel cranio. Questo tipo di dolore si può presentare anche in seguito a un trauma, sia immediatamente dopo, che a distanza di anni.

4. Altra complicanza comune è l’accumulo di umidità alla testa, in questo caso il dolore diventa di tipo gravativo e si ha un senso di pesantezza e sonnolenza.

In che modo l’agopuntura ti può aiutare

L’agopuntura risulta molto efficace nella maggior parte delle cefalee. Essa agisce mobilizzando il qi e il sangue, il cui ristagno provoca dolore, riconducendo lo yang liberato verso il basso ed eliminando l’umidità. Per fare questo si utilizzano sia punti locali sulla testa che a distanza. Inoltre spesso ci si avvale dell’utilizzo di tecniche complementari come la moxibustione, la stimolazione elettrica e la coppettazione. In alcuni casi, soprattutto se i disturbi sono molto antichi e l’origine molto profonda, la sola agopuntura può non bastare. In queste situazioni è bene associarla o sostituirla con la fitoterapia cinese. Quest’ultima si compone di formulazioni specifiche create su misura per quel paziente. 

Agopuntura, moxibustione, fitoterapia: ad ognuno il suo rimedio. Se soffrite di cefalea ricorrente la Medicina Tradizionale Cinese può essere un valido aiuto. 

Contatti

Write a comment

La informiamo che, per migliorare la Sua esperienza di navigazione su questo sito web, www.erikafrancese.it, in qualità di titolare del trattamento, utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
1) Cookies tecnici o analitici prima parte; 2) Cookies analitici di terze parti anonime; 3) Cookies analitici di terze parti non anonime;
Nella pagina dell’Informativa estesa “Cookie policy” che trovate all'indirizzo web www.oscareluca.com/cookiepolicy sono presenti le istruzioni per negare il consenso all'installazione di qualunque tipologia di cookie.
Cliccando su "HO CAPITO" o continuando la navigazione, dichiara di avere compreso le modalità nell'Informativa Estesa ai sensi dell'Art 13 del Reg. (UE) 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi